martedì 20 gennaio 2015

Retini di fondo: come si fa il punto rodi

Il punto rodi è uno dei retini di fondo più usato e versatile. Per la sua esecuzione i tessuti usati tradizionalmente erano i lini di varia consistenza e la batista o mussola. Oggi si preferiscono le tele di lino ad armatura regolare, con fili piuttosto distanziati tanto da permettere di essere facilmente legati insieme. Il filato utilizzato dovrebbe avere lo stesso spessore dei fili della tela. Deve avere anche una certa robustezza per mantenere una tensione costante e non rompersi quando tirato. E' preferibile utilizzare un ago a punta arrotondata e il telaio per facilitare il controllo della tensione del filo. 
Il punto base è il punto indietro che si lavora in diagonale, dall'alto verso il basso e da destra verso sinistra. 

Di seguito vengono forniti gli schemi esecutivi del punto Rodi e di alcune sue varianti. Il punto indicato con 1 è quello in cui esce l'ago per iniziare il lavoro, i successivi numeri indicano i passaggi seguenti. Quando il punto richiede un movimento di andata ed uno di ritorno, sono disegnate in azzurro più chiaro (nello schema del ritorno) i punti già eseguiti nell'andata.






 

Se volete qualche idea per provare a ricamare il punto rodi lasciatevi ispirare da questo splendido cuscino portafedi proposta da Silvana Fontanelli.


NB Schemi di MariaRosaria precedentemente pubblicati su TuttoRicamo.com, di cui questo blog è la continuazione.

Nessun commento:

Posta un commento