martedì 10 giugno 2014

Punt'é nù

Il punt'é nù è un ricamo sardo che Teulada (CA), piccolo paese del sud-ovest della Sardegna, è riuscito a conservare nel tempo. 
Difficile risalire alle sue origini tanto che una leggenda racconta che la sua nascita si deve a una condannata a morte che, per la bellezza dei suoi lavori, fu graziata. Sino all'800 era utilizzato esclusivamente per abbellire i colletti delle camice maschili del costume tradizionale. Con il tempo si è iniziato a ricamare su tovaglie, lenzuola cuscini, centrini e arazzi confezionati con il lino.
Utilizza un punto base, il nodo, per creare svariati disegni. E' necessario contare la trama della tela e al rovescio del lavoro non si vede alcun punto di costruzione. E' questo l'elemento che più contraddistingue il punt'e nù dagli altri.


I motivi riprodotti con i ricami sono geometrici ed hanno un significato simbolico. Molti di essi ricorrono anche nelle ceramiche, nei tessuti e nei tappetti, nelle cassapanche e nelle sedie di legno intagliato tipici della tradizione artigianale della Sardegna.


Se siete incuriosite da questo ricamo dovete assolutamente vedere questo video del laboratori di ricamo a Teulada: buona visione!
Qui trovate la pagina Facebook dell'Associazione Is Sinnus di Teulada e qui il blog, dove potete ammirare i meravigliosi ricami e costumi tradizionali di Teulada.

Se poi vi siete appassionate non mancate di leggere il blog "ricamo e... altro"!

Libri

NOTA: le immagini dei ricami realizzati dalle ricamatrici artigiane di Teulada sono di Renata che pubblichiamo con la sua autorizzazione.

2 commenti:

  1. Beautiful! Thank you for the links :-)
    xx

    RispondiElimina
  2. Thank you for your interest.
    The book will soon be available ... keep in touch with our Facebook page.

    RispondiElimina