mercoledì 10 ottobre 2012

Deruta sfilato: come si fa – i materiali

Ho frequentato il corso di Deruta sfilato (primo corso per principianti) a Pistoia nel novembre 2011. Per fortuna la giornata era proprio autunnale così da non essere tentata da una piccola bella città. In verità l'ultimo giorno del corso una piccola passeggiata per Pistoia c'è la siamo concessa.
Il corso è stato tenuto da Maria Elide Melani dell'associazione Ago, aga e fantasia. Qui la potete vedere, sempre sorridente, fotografata nel suo laboratorio-scuola.


Sul tavolo da lavoro, pronto per essere usato, c'era il materiale necessario:
  • tessuto: è un bissone di lino con 9 fili/cm. Viene prodotto da una ditta del sud Italia e venduto da Grigoletto Filati (non per fare pubblicità ma solo come una indicazione pratica perché è altrimenti introvabile),
  • filati ritorto di cotone da uncinetto o filet n° 5, 8, 12. A Pistoia lo chiamano Ritorto Toscano,
  • ago senza punta n° 22 (da usare con il filato n° 5), n° 24 (per il filato n° 8 e 12),
  • telaio a stage della grandezza del ricamo (in modo che il ricamo sia centrato con uno spazio intorno di circa 5 cm.),
  • colla di pesce (per uso alimentare) per indurire il ricamo una volta terminato (non era sul tavolo ma comunque vi serve).


Il ricamo si esegue in tre stadi: orlo a birillino, sfilatura del tessuto per ottenere la rete e il ricamo dei motivi (farfalline, fiori, retine).

Presto pubblicherò altri post. Seguitemi per non perdere i prossimi “come si fa” iscrivendovi come lettori fissi del blog (nella colonna di sinistra, cliccate su “unisciti a questo sito” e seguite le istruzioni).

8 commenti:

  1. Ciao Giovanna
    io questo tipo di ricamo non lo so fare...
    quindi non vedo l'ora di vedere i prossimi post.
    Per ora devo dirti solo brava per aver seguito un corso di questo tipo!
    A presto
    Elena

    RispondiElimina
  2. Bellissima idea... mi piacerebbe provare!!!
    Un abbraccio.
    Nunziatina.

    RispondiElimina
  3. eccomi or sono una dei tuoi, sono curiosissima di capire ed imparare questo ricamo, ho una tovaglia portata in dote, con questo bellissimo ricamo di cui una volta non sapevo il nome, volevo vedere quest'anno alla Fiera di Vicenza se trovavo un libro con le spiegazioni, ma ti seguirò (lo facevo già prima) per impararlo . grazie e ciao Lella
    lellapevaro@yahoo.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lella (e un saluto anche alle altre curiose che vogliono imparare questa tecnica) da quello che so Maria Elide sarà presente alla Fiera di Vicenza. Nel post http://tuttoricamo.blogspot.it/2012/09/deruta-sfilato.html potete leggere la recensione del libro e, per chi non potrà andare alla fiera di Vicenza, trovare il link della casa editrice.

      Elimina
  4. Ciao, Giovanna!
    Ho partecipato anch'io al 1^ corso a Pistoia, quest'anno (giugno 2012)!Bellissimo ricamo e bravissima maestra! Mi piacerebbe molto proseguire con il livello più avanzato in cui s'impara a fare il ricamo solo su una parte di lino, a bordura...saluti Barbara della prov. di Modena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Barbara come stai?
      Avrei voluto fare anche io il corso avanzato ma ... ho ancora il ricamo montato sul telaio!
      Giovanna

      Elimina
  5. Ma i fili tagliati così,non rischiano di sfilarsi facilmente?Sto tentando di fare qualcosa con l'aiuto del libro,ma confesso che non ho avuto coraggio di tagliare i fili,mi sono limitata a a sfilarli tenendo un'abbondante codina,per poi nasconderli sotto il mezzo punto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No ti garantisco che se usi i materiali giusti (la tela è fatto con fili un po ruvidi) e fai il punto quadro e poi il mezzo punto i fili rimangono ben fermi. Guarda l'ultima immagine di questo post http://tuttoricamo.blogspot.it/2012/11/deruta-sfilato-come-si-fa-sfilatura-del.html e te ne renderai conto.

      Elimina